Home Ciclismo urbano Vivere Genova in bicicletta

Vivere Genova in bicicletta

di Paola
Il porto di Genova

Adriana è la prima ciclomeccanica donna di Genova e scrive le sue avventure su due ruote nel blog La ciclista ignorante. Negli ultimi anni ha (ri)scoperto la bicicletta e cambiato totalmente la sua vita, lasciando un lavoro da grafica per aprire la sua ciclofficina. Adriana, oltre a riparare biciclette, pedala tutti i giorni per le strade in salita di Genova, per cui è la persona perfetta per parlare di ciclismo urbano.

L’esperienza di ciclismo urbano a Genova di Adriana, La ciclista ignorante ⬇︎

Perché usare la bicicletta a Genova

Vivo a Genova ed ho deciso assolutamente a caso, volevo un cambiamento e sono andata a comprarmi una bici. Che questa cosa mi avrebbe cambiato completamente la vita non me la sarei mai immaginata. Dopo un anno circa da quello acquisto ho cambiato casa ed ho venduto lo scooter.

Le piste ciclabili di Genova e come incentivare il ciclismo urbano

Non ho mai pensato che le piste ciclabili servano a far pedalare la gente e le statistiche me lo confermano, non mi sono neanche mai posta il problema se ce ne fossero o meno. In questi anni qualcosa è stato fatto, ma le azioni di mobilità sostenibile sono ben altre e più importanti: prima su tutte le zone a 30 km/h e stalli sicuri per bici in giro per la città.

I vantaggi e gli svantaggi di usare una bici di proprietà a Genova (e perché non funziona il bike sharing)

Uso la mia bici personale. Il bike sharing non l’ho mai preso in considerazione, anche perché a Genova non c’è quello a flusso libero e quindi sarei vincolata negli spostamenti. Inoltre, a parte il momento di moda, attualmente la nostra amministrazione su quel lato fa abbastanza acqua (per non dire di peggio).

Il vantaggi della propria bici è che è propria: la impari a conoscere a memoria e non hai costi di noleggio. Lo svantaggio è che sai dove la parcheggi e non sai se la ritrovi.

Esistono città, tra tutte mi viene in mente Milano, dove i vantaggi del bike sharing superano gli svantaggi: noleggi (con un ventaglio di possibilità più o meno ampio data l’offerta) e non devi preoccuparti di niente, neanche della manutenzione.

Spianata Castelletto di Genova, foto Adriana Anselmo
La vista di Genova dalla Spianata Castelletto, foto di Adriana Anselmo

Fatemi sapere nei commenti se vi è piaciuta questa intervista e se (ri)scoprire la bicicletta ha cambiato la vita anche a voi.

Altri post che potrebbero interessarti

Lascia un commento

* Quando lasci un commento autorizzi Girly Bike a gestire i tuoi dati secondo quanto previsto dal GDPR

Questo sito internet usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy